Posts Tagged ‘martinsicuro’

Grande Tennis Internazionale a Martinsicuro

venerdì, dicembre 26th, 2014
img_7753 IMG_1080

Matteo Bianchini, noto giornalista Martinsicurese, ha lanciato la sfida e io ho dovuto raccoglierla. Vi aspetto numerosi Domani 27 Dicembre alle ore 16.30, campo numero 1, al Circolo Tennis di Martinsicuro.

Ecco il comunicato ufficiale che Bianchini ha redatto in occasione di questa sfida epica:

Abbiamo sofferto con loro e per loro, abbiamo cantato le loro canzoni, abbiamo visto e amato i loro film, abbiamo mangiato i loro panini e indossato i loro jeans, li abbiamo visti volare a canestro e raggiungere la luna... ma il tennis è un'altra cosa, nel tennis vogliamo comandare noi...

dal Circolo Tennis di Martinsicuro Bianchini vs De Carolis, Italia contro Stati Uniti. Oggi sapremo chi siamo!

Seguiranno i risultati e le foto. Non é da escludere la diretta dell'incontro (Telecronaca by decaro.la)

L’importanza di un simbolo

giovedì, dicembre 20th, 2012

obelisco

Il simbolo della Città di Philadelphia é la Liberty Bell, una campana che secondo la leggenda venne suonata per sancire ufficialmente l'indipendenza degli USA nei confronti dell'Impero Britannico.
Negli anni successivi all'indipendenza la campana fu suonata in svariate cerimonie ufficiali fino a quando (all'incirca nel 1840) all'improvviso si ruppe.
Inizialmente si cercò di riparla ma divenne presto evidente che ogni tentativo sarebbe stato vano: la campana era irrimediabilmente rotta e non più in grado di suonare. Fu così realizzata una seconda campana identica all'originale ma, contrariamente alle aspettative, la vecchia campana continuò ad acquisire attenzioni sempre maggiori fino a diventare una vera e propria reliquia. La seconda campana invece fu praticamente dimenticata.

Mi giunge notizia dalla madrepatria di un fatto quantomeno interessante: il primo (e direi unico) monumento del mio paese é stato distrutto a colpi di ruspa.
L'Italia é un luogo interessante: si fa un monumento nel posto più importante, ogni anno corone dei fiori, mostrine luccicanti, saluti militari e squilli di tromba. Poi però nel corso dei decenni qualcosa lentamente cambia ed il simbolo comincia a perdere valore. Magari esso viene danneggiato e non lo si ripara per niente, un giorno le corone cadono a terra ed i fiori si lasciano  marcire al sole, si comincia a parlare di una eventuale "rimozione". Alla fine, un brutto giorno, come se si trattasse di un abuso edilizio arrivano le ruspe ed il monumento viene abbattuto perché ritenuto superato, antiestetico ed ingombrante.
Vorrà dire che ci terremo la seconda campana... quella priva di alcun valore.

E' tutto finito... (nulla di nuovo sotto il sole)

Veni Vidi Vici

venerdì, ottobre 26th, 2012

Ragazzi,

sono le 4:17 del mattino ed in questo momento non sono carico a pallettoni, sono carico a bombe a mano perché ho appena vinto il torneo di Poker. Madonna che soddisfazione... non potrete mai capire: vengo qua da forestiero, non mi conosce nessuno, tutti che ti dicono se, come e quanto giocare .Tutti professionisti insomma, e tu invece sei il coglione di turno. Mai visto un tavolo in cui si discute tanto sul nulla, e a così alta voce. Comunque un ambiente piacevole... all'Italiana insomma.

Io li solo a testa bassa, timido, a tratti nervoso...  A na certa uno mi ha anche criticato apertamente: questo non é giocare male le carte, questo é regalare le chips! E io calma, silenzio, mantenevo a stenti l'emozione. A me interessava solo poter tornare in America e dire di aver vinto un torneo in Italia. Tutto li... il resto non importava, l'importate era l'idea.

Ho giocato ininterrottamente dalle 22.45 alle 04:00. Mani da paura... ho buttato fuori giocatori tosti tra cui alcuni di quelli che parlavano più del dovuto e tra essi ovviamente - ironia del destino - c'era anche quello che mi aveva criticato in precedenza.
Verso la fine del torneo é cominciata a venire fuori una certa confidenza. Giocavo come un forsennato, come una belva... alla Stu Ungar per capirci.

Alla fine eravamo rimasti in due e l'altro - un ragazzo che giocava con la fidanzata seduta di fianco - mi chiede se avessi voluto spartire. Io rispondo che per me arrivare secondo o spartire era la stessa cosa e che stavo giocando solo per la gloria quindi preferivo andare avanti. Così é stato.
A onor del vero il mio oppositore finale non ha sbagliato neanche una mano: ha foldato tutte le mani in cui avrebbe perso e giocato forte le altre ma alla fine non c'é stata storia. Ero un fiume in piena, ho concluso con una scala A-5: stretta di mano, scambio di email, tutti a casa.

Dopo la vittoria sarei voluto andare al solito bar per festeggiare ma era già chiuso. Ho girato per tutto il paese in cerca di un posto ancora aperto per condividere con qualche altro la mia gioia ma niente da fare.
Che cazzo... va bene che sono le quattro del mattino ma é anche Venerdì dio bono... Tutti a letto?!?
Va beh....bella serata insomma. Sono al top, super contento. Domenica mattina si parte per New York.

Ciao

Gli incontri del futuro

domenica, dicembre 5th, 2010

Hai voglia a multare chi grida, tagliare le fratte o (come è stato proposto ultimamente) proibire i giornali di annunci.

Quello che vedete sopra è un link e punta verso il profilo di Emanuela, una ragazza che risiede a Martinsicuro. Nel suo profilo è ripresa da dietro (bella la foto) e c'è un numero per contattarla. Chiunque possiede un cellulare può visualizzare comodamente tutte queste informazioni. Se Emanuela volesse pubblicizzarsi al centro del paese, magari in piazza, potrebbe far stampare un cartellone gigante con sopra questa immagine ed il gioco è fatto: chi la vorrà raggiungere saprà come farlo.

Tutto questo per ribadire ancora una volta che è inutile fermare un fenomeno in cui sono fortissime sia la domanda che l'offerta e che è impossibile bloccare le informazioni nella nostra società dell'informazione.

Viva la boscaglia

giovedì, ottobre 14th, 2010

Ve lo ricordate il post sulla mia zona che è famosa per la sua vocazione godereccia?
Ebbene, dopo il provvedimento sul sesso rumoroso eccone un altro che sta facendo il giro del mondo: pare che per limitare il fenomeno della prostituzione abbiano deciso addirittura di tagliare le piante!

Ma cari bigotti della chiesa cattolica: porco zio... (per non dire "orco ..." visto che che tanto dipende dal contesto) lo volete capire o no che il mestiere più antico del mondo si pratica sin dai tempi di Maria Maddalena? Lo volete capire o no che siamo mammiferi e che la gente ha bisogno di scopare? E lasciamo fare no?!?

Hai voglia a mettere le multe se fai urlare la mogliera o a tagliare le sterpaglie: piuttosto riapriamo i bordelli, diamo libero sfogo alle pulsioni della natura! Lo sai quante malattie mentali, quanti reati violenti, quanti problemi in meno ci sarebbero? Per non parlare dei soldi sottratti alle mafie per essere regalati alle casse dello stato sotto forma di gettito fiscale!

Comunque i bigotti di cui sopra sono una minoranza eh... Se ci fosse un referendum su questo argomento la chiesa prenderebbe un colpo al livello di quello che furono aborto e divorzio.
Se pensiamo che i Tedeschi (che sono Tedeschi!) hanno oggi bordelli degni della Roma antica pensate cosa potremmo essere capaci di fare noi Italiani! Potremmo fare scuola...

Per ora tenetevi la schiavitù, il crimine, il degrado, lo sftuttamento delle donne: tutti frutti marci del proibizionismo moralista e catto/comunista. Di sicuro tagliando quattro fratte risolverete il problema... alla radice!

Toccata e fuga

domenica, ottobre 10th, 2010

Dunque,

scusate l'assenza ma sono dovuto tornare in Italia improvvisamente per motivi di famiglia.

Mi ero portato il pc ma ho dimenticato il caricatore qui negli USA per cui non l'ho neanche potuto usare. E' stata quindi l'occasione per staccare una volta tanto un pò da tutto.

La foto che vi propongo (Ecomostro) è probabilmente quella che mi piace di più tra le poche ho scattato in questi quattro giorni.

P.S.
Mai volare Alitalia. Ripeto: MAI VOLARE ALITALIA

Martinsicuro Beach Club – NEW YORK

sabato, giugno 12th, 2010

A Steinway Street, invece che la solita distesa di negozietti poveri di Astoria c'era incredibilmente un bellissimo lungomare in stile Europeo e dalla parte opposta a Manhattan si estendeva prima una lunga striscia di sabbia chiara, poi il mare.

Saranno state le venti di una sera d'estate e passeggiavo lungo questo improbabile lungomare. Poca gente in giro, ampi spazi, molta luce e aria frizzante. Ad un certo punto noto un casottino di legno. Era ancora mezzo verniciato e mezzo no ma avevano già montanto l'insegna che diceva in caratteri simil-ellenici "Martinsicuro Beach Club" e sotto in maiuscolo "NEW YORK".

"Porca puttana!", ho pensato. Che bella idea... Un bel barettino sulla spiaggia per tutti i ragazzi di Martinsicuro che vivono a New York... è  geniale. Ed ecco che in quel momento proprio davanti al bar noto che c'erano già alcuni  ragazzi. Erano molto più giovano di me e quindi non li conoscevo nemmeno di vista ma nonostante ciò era certo che fossero di Martinsicuro.
"Bello il bar eh?... Sapete quando apre?" Chiedo direttamente in Italiano. E loro: "No, non lo sappiamo ma manca poco, lo apre Matteo Bianchini"

Matteo Bianchini?!? Mi sta bene il mare nel Queens, mi sta bene il baretto... ma che sia pure di Bianchini era troppo così mi sono reso conto che era tutta una cazzata e, con un pò di nostaglia, mi sono svegliato. Ci sono rimasto male che fosse solo un sogno perchè una bella spiaggetta poco affollata e soprattutto un piccolo baretto Martinsicurese ci stavano proprio bene nel Queens  (magari non di Bianchini però... meglio farlo fare a Francesco Yastà!)

Miss Abruzzo 2010: Silvia Di Paolo

venerdì, maggio 21st, 2010

Ho scoperto quasi per caso che Miss Abruzzo 2010 è una mia compaesana e si chiama Silvia Di Paolo.

Un pò perchè ormai sono vecchio, un pò perchè manco da un pezzetto, io non so nemmeno chi sia, non l'ho mai sentita nominare e credo di non averla mai vista così ho cercato in rete una foto ma non ho trovato nulla!
Possibile che Miss Abruzzo 2010 non ha una foto rintracciabile sul web??? Non dico un calendario... ma almeno una foto per permettere ai poveri emigranti come me di apprezzare le bellezze della terra natia.

Allora, siccome sono certo che leggerai queste righe, cara Silvia mi rivolgo direttamente a te: visto che i siti locali non sono stati capaci di farti indicizzare neanche una immagine mandamene una che ci penso io! Se poi me ne volessi mandare anche una speciale con dedica la apprezzerei volentieri...
In cambio  ti invito a New York! Dai che se vieni ti porto in giro per tutta la città... (chiamatemi scemo!) Oh, sia chiaro, lo faccio solo perchè siamo compaesani eh... la bellezza non conta niente. L'importanti è essere belli dentro (secondo me qualcuno ci crede pure a ste cazzate... hehehe)

Ciao!

Non tutti gli Italiani all’estero sono come Alain

giovedì, febbraio 25th, 2010

Il Partito dell'Amore di Martinsicuro (mio paese d'origine) ha un sito web che ormai da mesi mi cita in prima pagina. Io non li conosco nemmeno di vista eppure quelli del pdl locale linkando il blog di una fan Canadese di Silvio Berluscao commentano così: "Perchè non tutti gli italiani all'estero sono come Alain".

Nei giorni successivi all'aggressione di Milano ebbi modo di protestare ma come vedete l'allusione denigratoria alla mia persona è ancora online.
Oggi però dopo aver letto gli ultimi sviluppi relativi al Sen. Di Girolamo eletto all'estero nel Pdl (ti pareva) e leader della fondazione Italiani nel Mondo, ho cambiato idea e al Partito dell'Amore chiedo di scriverlo più grosso e magari anche in maiuscolo:

NON TUTTI GLI ITALIANI ALL'ESTERO SONO COME ALAIN!!!

Martinsicuro’s Pipes

sabato, gennaio 2nd, 2010

Martinsicuro's Pipes 5

Oggi la serie di foto coi tubi.

Per i lettori che dovessero chiedersi cosa ci fanno tutti questi tubi in riva al mare è bene spiegare che stanno per essere utilizzati per fare il ripascimento della sabbia erosa dal mare.
Una volta flangiati tra loro questi verranno allineati perpendicolarmente alla linea di costa raggiungendo il largo e permettendo così ad una draga di pompare sabbia marina verso la spiaggia senza arenarsi.

Il ripascimento artificiale permette di allungare la spiaggia di diverse decine di metri. Ovviamente è una soluzione temporanea perchè il mare con la sua opera costante ed inarrestabile nel giro di qualche anno riporterà la situazione a quella che era in precedenza.