Posts Tagged ‘religione’

Perchè Sanremo è Sanremo!

venerdì, febbraio 24th, 2012

Molti mi chiedono cosa non mi piace dell'Italia.

A farlo sono soprattutto quegli Italiani che non si rendono conto di cosa ci sia fuori o quegli Americani che oltre ai monumenti ed alla pizza non si rendono bene conto di cos'altro ci sia dentro.
Potrei scrivere per mesi su questo argomento ma mi limiterò a prendere spunto dal superbowl all'Italiana, l'evento mediatico dell'anno, il momento in cui tutta la nazione si raduna dinanzi al televisore: il Festival di Sanremo.

Un paese per vecchi

La manifestazione più importante della TV Italiana rispecchia bene la realtà gerontocratica del nostro paese. Una trasmissione dai colori e dalle modalità vecchie. Persino il conduttore è quasi sempre vecchio!
Gianni Morandi ha condotto due volte il festival e mi sta anche simpatico ma è nato nel 1944 ed ha esordito nel 1962. Fatevi questa domanda: se l'Italia fosse un paese gestito da giovani per i giovani secondo voi a presentare il festival avrebbero messo un cantante settantenne? O forse i giovani preferirebbero altri personaggi, altre canzoni, altre modalità per fare spettacolo?
Se poi certi personaggi "stagionati" riescono anche a far bene questa è l'ulteriore dimostrazione della mia ipotesi: l'Italia è purtroppo un paese ostile ai giovani. Un paese in cui stanno bene soprattutto i vecchi.

Un paese maschilista

Spero non pensate che sono un moralista bacchettone perchè sareste fuori strada (mi definisco piuttosto un liberista-libertario-libertino) ma non posso fare a meno di notare che nella TV Italiana - persino in quella pubblica - si vedono da sempre culi e tette a tutte le ore.
Perchè - per esempio - oltre al tatuaggio sul pelo di Belen (Belin!!!) non si è potuto vedere che ne so... un testicolo di Gianni Morandi? Ve lo dico io: perchè il target di questi spettacoli sono - oltre che i vecchi - anche i maschi. Quelli cioè che in un paese antiquato e patriarcale sono gli unici che contano davvero. Le mogli, le figlie, le fidanzate si ci sono... ma contano meno rispetto al maschio dominante. I pubblicitari questa realtà la conoscono bene e sanno che per vendere bisogna mirare alla popolazione maschile. Gli artisti non possono far altro che regolarsi di conseguenza integrando dosi massicce di patata nelle scalette. Del resto i conti tornano: non è questo il paese in cui si diventa ministro facendo soffoconi? Quello in cui si dice che è lecito prostituirsi per fare carriera? Tutto normale... ma solo per le donne resta inteso: siamo Italiani!

E poi Celentano, che fa rima con Vaticano...

Celentano fa leva - esattamente come Morandi - sulla moltitudine di anziani che nostalgicamente lo ascoltano cercando di rievocare emozioni risalenti agli anni '60.
Per carità, ha fatto della bella musica, forse anche la storia della stessa... ma lo avete sentito ultimamente? Dubito che riuscirebbe a vendere qualche cosa se non fosse per la sua (questa si veramente geniale) strategia di marketing degli ultimi anni che consiste nell'ergersi a grande difensore delle balene/profeta/predicatore da strapazzo.
Visto dall'estero la cosa più imbarazzate credo non siano i suoi pezzi cantati in Inglese maccheronico bensì il surreale monologo incentrato su dii, preti, paradisi e riviste di preti.
Torniamo sempre allo stesso discorso: secondo voi sono più interessati a certi argomenti quelli che il paradiso ce l'hanno ormai a portata di mano (Celentano ha 73 anni) oppure i giovani che devono pensare a problemi ben più terreni e concreti? Lo sa Celentano che solo il 30% dei giovani Italiani è credente e che altrettanti sono gli Atei? Lo sa che il 99% della popolazione europea non crede nella resurrezione dei corpi dopo la morte, che il 58,5% degli Italiani non pensa che dopo la morte vi sia un’altra vita, che il 44% non ci crede neanche nel paradiso? A chi parlava quindi Celentano se non al suo pubblico di vecchi infoiati della religione, quelli che forse tra 30 anni faranno la fine dei Dinosauri?
Ma poi, il festival della canzone Italiana non è forse destinato anche ai Cristiani Valdesi, ai Musulmani o agli Illuminati (gli Atei)? Non si potrebbe confinare la religione nell'ambito delle scelte personali di ciascun individuo?

Comunque bello Sanremo. Mi è piaciuto tanto. Mi chiedo se ci sono ancora le canzoni perchè non mi pare di averne vista o sentita neanche una in tutte le discussioni successive all'evento...

Saluti cari dal paradiso della terra promessa

Alain

Cari amici rallegratevi e gioite con me perchè mi sono convertito ed ora credo in Dio

mercoledì, novembre 16th, 2011

Sono stato illuminato da una rivelazione fulminante e ora non posso più fare finta di non conoscere la verità. Da oggi non sono più ateo ma appartengo alla "Church of the Flying Spaghetti Monster", la Santa Chiesa iniziata dal nostro profeta Sant.mo Bobby Henderson in Kansas nel 2005.

Il Profeta (all'epoca ateo e 24enne appena laureato in Fisica) ricevette la buona nuova direttamente dallo Spaghetti Monster secondo cui il mondo e la vita stessa sono dono di un Dio avente le esembianze di un mucchietto di spaghetti con sotto due polpette e sopra un paio di occhi.
Nonostante le persecuzioni e le discriminazioni i Pastafariani si sono moltipicati diffondendosi in tutto il mondo e oggi la nostra religione è ormai riconosciuta anche da diversi Governi. In Austria, ad esempio, dopo una lunga battaglia legale un fratello Pastafariano è riuscito a farsi riconoscere il sacrosanto diritto di indossare lo scolapasta (il nostro copricapo) sulla foto della sua patente di guida esattamente come avviene per gli altri indumenti di carattere religioso.

La nostra religione è molto attenta ai problemi che affliggono il mondo e non si esime dall'esprimersi sui grandi temi della morale: l'alto numero di disastri, carestie e guerre che affliggono i giorni nostri è in realtà legato al calo del numero dei Pirati avvenuto negli oceani a partire dal 1800 in poi. Anche il global warming è conseguenza della scomparsa dei pirati che - contrariamente all'immagine negativa diffusa nel Medioevo dai teologi Cristiani e dagli Hare Krishna - erano degli esportatori di pace e di buone intenzioni.
I Pastafariani sono inoltre pro-life. Secondo noi, infatti,  la vita umana comincia già con la creazione degli spermatozoi ed è quindi ora di fermare la strage di miliardi di esseri umani che ogni giorno si compie nelle vasche da bagno degli adolescenti o nei jeans troppo stretti diffusi da certi stilisti.

Vi invito quindi a leggere i Testi Sacri aprendo il cuore alla verità e all'amore eterno del nostro unico Dio perchè non è mai troppo tardi per convertirsi dando un nuovo senso alla propria vita.

I am the Flying Spaghetti Monster. Thou shalt have no other monsters before Me. (Afterwards is OK; just use protection.) The only Monster who deserves capitalization is Me! Other monsters are false monsters, undeserving of capitalization.
-Suggestions 1:1

RAmen


Il battesimo che avrei voluto per me

lunedì, maggio 23rd, 2011

Sabato pomeriggio sono stato invitato al "baby shower" della figlia di alcuni amici Abruzzesi che (guardacaso) sono dei ricercatori a NYC nel settore delle neuroscienze.
Visto che c'era il sole e che la cosa si sarebbe svolta presso gli stupendi condomini residenziali di Long Island City ho optato per la bici e mi sono fatto tutta Vernon Boulevard passando sotto il ponte e attraverso la parte vecchia di Long Island City (figata per me pazzesca).

Va beh, arrivo nel mega condominio (cose in Italia MAI VISTE... fidatevi dello zio Alain) e mi accorgo che si trattava di qualcosa d'altro rispetto ad un semplice baby shower. C'era infatti un signore con la barba, vestito di bianco, al collo una specie di sciarpa lunga fino alle ginocchia, portamento solenne, sguardo rilassato ma fermo... ma che è un prete? Stai a vedere che fanno un battesimo?!?

Conoscendo gli amici rimango sorpreso da questa evenienza e infatti chiedo spiegazioni appena entro. Mi tranquillizzano subito: non è un prete ma un reverendo (soccmel!) e non si farà nessun battesimo bensì una cerimonia (laica) di benvenuto per la bambina.
Praticamente il prete vestito di bianco, anzi il reverendo, non è un prete ma un signore che ha conseguito la licenza statale per fare i matrimoni. Legalmente parlando ha gli stessi poteri di un prete cattolico in Italia e praticamente fa le stesse cose senza però tirare in ballo le superstizioni medioevali che ben conosciamo (sangue liquefatto una volta all'anno, esorcismi, superpoteri stile pokemon, fax in arrivo direttamente dalla madonna e cose di questo genere). Insomma, un battesimo senza nessun dio. GENIALE!

La cerimonia molto molto bella. Il reverendo ha letto delle cose lui, ha fatto leggere delle poesie, alla fine ha concluso con le lyrics di pezzo di Franco Battiato. Fantastico. Ma mi veniva da chiedere al reverendo: scusi ma il limbo? Ah non esiste più il limbo... si erano sbagliati. Allora va bene così dai...
Poi, colpo di scena. Alla festa c'era una ragazza alta, piacente direi. Bella donna... stivale di pelle... insomma non mi fate parlare... ci siamo capiti. Esce fuori l'incredibile: è la moglie del reverendo. Hai capito sti preti del 2000 come si trattano bene??? Se lo sapevo mi facevo reverendo anche io! Il bello è che è reverendessa pure lei! Insomma due preti (o facenti funzione) sposati tra di loro. Allelujua!

Poi il rinfresco. Ah, quasi dimenticavo: il tutto si è svolto in una saletta con parete a vetro e vista sull'East River e Manhattan. L'Empire State Building maestoso in lontananza. Roba da urlo.
Comunque durante il rinfresco l'amico/padre mi dice che stanno per rientrare in Italia. Ed io: ma come? sei impazzito?!? E lui: ma si... un anno o due poi andiamo in Australia. Ahhhh.... allora si!
Suo fratello è qui anche lui e indovinate che fa? Il ricercatore. In Scozia. Dice che appena finisce il dottorato viene anche lui a NYC. (E'una saga ormai, anzi no, è una diaspora. La diaspora Italiana)

Vi devo raccontare anche della parte vecchia di Long Island City ma ci faccio uscire un altro post.

Sia lodato il Signore.

Ciao!

Domani finisce il mondo

venerdì, maggio 20th, 2011

Molti si domandano come sia possibile che nel 2011 ci sia ancora gente convita di stronzate megagalattiche tipo quella che domani finisce il mondo perchè è scritto nella bibbia.
Io non ci trovo niente di strano... Del resto, credere che domani cominci la fine del mondo non è certo meno bizzarro che un bambino nato da una vergine o un trentenne che cammina sulle acque. Non trovate?

Noi Italiani ereditando i diritti del libro originale (parlo del best seller "la sacra bibbia") abbiamo messo su una azienda multinazionale con sede a Roma e filiali in tutto il mondo. Che male c'è se questi qui vogliono vendere qualche copia di un altro libro e aumentare un pizzico gli ascolti della loro radio?

Sul testamento biologico

lunedì, febbraio 21st, 2011

Dico sempre che non basta essere atei ma si dovrebbe essere anche anticlericali. Spesso mi capita di ricevere risposte del tipo: "Ma perchè ce l'hai con la chiesa, che ti ha fatto? Che fastidio ti da?".

Un esempio del perchè lo vedete proprio oggi con la polemica che sta montando sul testamento biologico. Ma dico io: se tu, sciamano occidentale che dedichi la tua vita ad un dio inventato da un tuo collega predecessore, ed anche tu, vittima innocente che fin dai tempi del battesimo ti sei lasciato imbambolare dallo sciamano, se entrambi voi volete essere tenuti in vita a tutti i costi... e fatelo! Ma chi ve lo impedisce?

Io invece la penso diversamente e per le scelte che riguardano me e soltanto me gradirei essere lasciato in pace. No perchè se così non fosse interpreterei la vostra interferenza  negli affari della mia vita come un atto di violenza inaccettabile.
La mia vita non è di quell'amico immaginario che chiamate dio, non è di quel ragazzo biondo che camminava sull'acqua in medio oriente moltiplicando pani e pesci dopo aver risvegliato i morti, non è tantomeno vostra. La mia vita è soltanto mia... fatevene una ragione e pensate alla vostra.

Grazie

La Bibbia nelle scuole… Che bella idea!

lunedì, settembre 13th, 2010

Oh, ma com'è la storia che nella politica italiana è normale utilizzare il proprio corpo per fare carriera? hehehehehehehehehheheheheheeheh
Non bastavano i ladri, ormai è stato sdoganato anche il meretricio istituzionale! Siamo veramente alla fine dell'impero. C'è da vergognarsi... ma non dei ladri e delle prostitute... c'è da vergognarsi del fatto che questa gente la abbiamo votata e soprattutto del fatto che continueremo a votarla.

Comunque... tanto per rimanere in tema... leggo che la ministra della pubblica istruzione (per la cronaca: non c'è nessun riferimento alle righe di cui sopra! anzi io non sono nemmeno d'accordo - prrrr!) dice che bisogna far leggere la bibbia nelle scuole.
Sono favorevole perchè è stato proprio grazie all'ora di religione obbligatoria se io mi sono ribellato a questo vergognoso lavaggio del cervello.

Propongo anzi di farla leggere tutti i giorni e soprattutto, ad esempio, nei tratti in cui dio nella sua infinita saggezza ordina ai genitori di lapidare i propri figli o alle donne stuprate di sposare lo stupratore in cambio di cinquanta sicli d'argento dati al padre come risarcimento (mi fermo qui ma la lista sarebbe lunga).

Ora mi si verrà a dire: basta con queste citazioni del vecchio testamento perchè il vangelo ha smentito questa connotazione violenta e ha portato un messaggio di pace e amore. Si, certo, io però rispondo: "Vi preoccuperete di mettere in pratica tutto ciò che vi comando; non vi aggiungerai nulla e nulla ne toglierai." Parola del signore (rendiamo grazie a dio!)
Comunque si dai... il messaggio del vangelo è positivo... nessuno lo mette in dubbio. Una bella storia da leggere, diciamo che è letteratura. Letteratura peraltro fantastica perchè i fatti narrati non hanno nessuna pertinenza storica (eh già... tosta questa eh...).  Insomma un bel libro su cui però secondo me non è il caso di basare la propria vita (ce ne sono di molto meglio) e sicuramente qualcosa di non adatto per modellare l'educazione di un bambino. Non per altro, se fosse uscito oggi ad Hollywood lo avrebbero classificato "Restricted - for some strong violence and horror"!

Mi ricordo dei bei tempi alle superiori quando una volta raggiunta la maggiore età e quindi autorizzato a liberarmi di certi feticci, durante l'ora di religione mentre la prof. (scelta dal vescovo) raccontava delle sue stregonerie preistoriche, io ed altri andavamo a fare colazione alla pasticceria Sprint di Giulianova. L'anno prima invece, costretto a partecipare a quella tortura dai miei genitori, in segno di protesta strappai la pagella di religione davanti a tutta la classe. Bei tempi davvero...

Alcuni mi chiedono come mai tutta questa rabbia. E' semplicissimo capirlo: per almeno un decennio ho dovuto sopportare cantilene senza senso che mi hanno martellato la mente. Mattine (e pomeriggi!) passati in piedi, a pantaloncini corti, costretto a ripetere frasi mnemoniche che non capivo o non condividevo. Discorsi assurdi che venivano passati per verità, addirittura mi portarono a vedere uno che da vivo sarebbe stato capace di volare come superman!. Il tutto condito da un costante senso di inadeguatezza che si trasformava in senso di colpa nel momento in cui capivi che quei dubbi erano per gli altri delle realtà inconfessabili. Credo di non esagerare nel dire che quella religiosa sia stata nei miei confronti una vera e propria violenza psicologica.

Ah, un'ultima cosa.
So che qualcuno lo farà sicuramente per cui vi ammonisco prima ancora del tempo: per favore non ve ne uscite col pippone dello scontro di civiltà, magari citando le scuole cristiane sotto attacco in India. E' una obiezione che rispedisco al mittente perchè se queste cose succedono, cari lettori credenti, è proprio grazie alla vostra ottusissima ostinazione nel non voler guardare le cose per quello che sono.
Cinquecento anni fa noi eravamo esattamente come oggi alcuni sono in medio oriente: pronti a uccidere nel nome di dio. Poi però, grazie anche a coraggiosissimi eroi spesso senza volto e senza nome, abbiamo gradualmente abbandonato la dottrina e nel giro di un paio di secoli siamo evoluti più di quanto non era accaduto nei duemila anni precedenti.
L'unica arma che abbiamo da utilizzare contro chi minaccia la nostra civiltà è la nostra ragione, non certo la vostra finta fede (grazie a dio oggi da noi i veri credenti sono uno su mille... e forse meno...eehheeh). Anzichè insistere dovremmo bandire qualsiasi simbolo o riferimento religioso dalla vita pubblica rinchiudendo la parola "dio" in un angolo di quella privata. Il proprio orientamento religioso dovrebbe diventare un pò come quello sessuale: una sorta di tabù del quale è inopportuno parlare in presenza di altri, soprattutto in presenza dei bambini.

Ora vi saluto che era da tempo che non scrivevo nulla sulla religione e non vorrei ingolfarvi tutto in un colpo solo.
Ciao a tutti

P.S.
se quello che ho scritto vi pare offensivo in quanto cristiani... beh... allora perdonatemi! (Bill Hicks) heheheehehehehe Ciao!

Zeus 1 – Cristo 0

venerdì, giugno 18th, 2010

In Ohio un fulmine ha colpito e polverizzato una statua di Gesù Cristo alta venti metri e pesante sette tonnellate. Sconvolgimento dei fedeli e danni per circa settecentomila dollari.

Nel timore di azioni di rappresaglia è stato evacuato il monte Olimpo.

AP Photo

Jesus is lord

sabato, maggio 29th, 2010

Stamattina avevo un appuntamento alle 8.45 a Manhattan.
Arrivo in stazione ad Astoria che era già tardi. Il treno non si vede. Aspetto, aspetto, aspetto... niente .
Quando sai che forse arriverai in ritardo i minuti sembrano ore.
Mentre ero già intento ad imprecare in madrelingua ecco che arriva un uomo sui 45 con una maglia a maniche lunghe giallo fluorescente. La maglia era pensata apposta per richiamare l'attenzione sulle scritte che in bellavista erano stampate davanti, dietro e sulle maniche.
Su ambo le braccia c'era: "JESUS IS THE LORD", davanti invece un avvertimento "Attenzione ladri, drogati, alcoolisti, atei e omosessuali perchè il giorno del giudizio sta per arrivare". Dietro, a completare l'opera, un'altra stronzata dello stesso calibro del tipo "Abbiate timore di Dio che vi punirà".

Sto ragazzo, che dall'aspetto chiaramente non scopava dai tempi di Mosè, si siede proprio a fianco a me. Da una busta di plastica estrae una Bibbia con le pagine consunte per l'assidua lettura e stracolma di sottolineature e note a margine, poi un mazzo di almeno quattro o cinquecento cartoncini colorati su cui a penna aveva annotato i passi che aveva letto.
Aperta la Bibbia, su uno dei cartoncini che usava da segnalibro ha annotato "7-5" e si è messo a leggere.

Insomma non solo già mi giravano le palle a 1000 perchè ero in ritardo e il treno non arrivava ma mi è toccato pure sorbirmi sto sciroccato del cazzo che mi accomunava ai ladri in quanto ateo. Tu pensa se fossi stato anche omossessuale!
Ero tentato di attaccarci una discussione ma non c'era ovviamente tempo da perdere così, se pur a fatica, ho evitato di consigliargli di andare a farsi una bella scopata per schiarirsi un pò le idee.

Grazie a Dio alla fine sono arrivato in orario. Anzi no, grazie alla MTA!

Ciao!

Pledge of Allegiance

mercoledì, maggio 27th, 2009

pledge-of-allegiance

La lavandaia che mi fa le camicie è di origine Cinese quando parla ha un accento fortissimo. Sembra arrivata ieri dalla Cina ed invece come minino starà qui da 30 anni.

Nel negozio, in bella vista, ha l'immagine che vedete.
C'è l'aquilone rapace con la testa bianca, la bandiera, e sotto questa frase:

I pledge allegiance to the flag of the United States of America, and to the Republic for which it stands: one Nation under God, indivisible, with Liberty and Justice for all.

E' una di quelle americanate che di più non si può. E' una specie di giuramento che si fa obbligatoriamente nelle scuole e devo dire che mi piace pure perchè parla di una nazione con questa repubblica indivisibile con libertà e giustizia per tutti.

Ma, oibò! Cosa vedo? Mi è sfuggito un particolare. Dice che la nazione è "under God" e cioè "sotto Dio".
Ma mi andate a tirare fuori sto Dio pure sotto l'aquilone... E noooooooo cazzo! Porca puttana! Ma nooooooo dai!

Ma come sarà mai successo?
Se andiamo a vedere bene la storia di questo giuramento scopriamo che è stato aggiornato e modificato a più riprese, e che la parte "under God" è stata aggiunta per ultima dal Presidente Eisenhower nel 1954.
L'idea è nata dai Cavalieri di Colombo, un gruppo cattolico di New York City, che consideravano lo slogan incompleto finchè privo di un riferimento ad una divinità.
Dopo una serie di pressioni esercitate con maestria dalle massime autorità religiose la Politica spinta anche dal fatto che il blocco Comunista vantava (giustamente) il proprio ateismo ha deciso di inserire il riferimeno fino ad allora mancate.

E così mi hanno sciupato il poster da mettere in camera.

Ancora sul testamento

venerdì, marzo 27th, 2009

Per via della legge vaticana/talebana sul biotestamento non mi fido più dei medici e della medicina italiana e mi rifiuto di farmi curare in queste strutture. Nel caso in cui a seguito di malattie od incidenti non sia più capace di intendere e di volere, o semplicemente di comunicare, voglio essere trasportato in Svizzera.